Maltempo in Italia, ingenti danni in Veneto. Necessità di misure di sostegno per le aziende agricole e i territori colpiti

Nelle prime settimane di giugno forti episodi di maltempo si sono abbattuti in tutta Italia, in particolare nella regione del Veneto.

Nelle province di Verona, Padova e Belluno intense grandinate e violenti temporali hanno distrutto le coltivazioni di pesche, nettarine, albicocche, ciliegie e mais e devastato i vigneti, soprattutto nella zona della Valpolicella. Si stimano ingenti perdite della produzione, in alcuni casi fino al 100 %.

Il maltempo ha provocato anche pesanti disagi alla popolazione con allagamenti, smottamenti e altri gravi danni a case, strade e terreni agricoli, soprattutto nelle province di Treviso (con distruzione di vigneti di Prosecco), Verona e Vicenza.

Considerando che le aziende agricole del Veneto erano già in forte difficoltà a causa delle drammatiche conseguenze dell’ondata di gelo dello scorso marzo sulle coltivazioni e delle ripercussioni economiche del coronavirus e che in tutta Italia sono sempre più frequenti episodi di anomalo maltempo che causano danni di milioni di euro ai territori, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:

1. Stanzierà urgentemente fondi straordinari per sostenere le aziende, i cittadini e i comuni colpiti da quest’emergenza?

2. In considerazione della frequenza crescente degli eventi atmosferici dannosi per la produzione ortofrutticola, intende predisporre misure specifiche per sostenere i produttori ortofrutticoli italiani?

Risposta

1. Nell’ambito dello sviluppo rurale, gli agricoltori possono beneficiare del sostegno alla gestione del rischio nel caso, tra l’altro, di condizioni meteorologiche avverse. Tale contributo finanziario può essere costituito da premi per assicurazioni che coprono le perdite di produzione, dal sostegno ai fondi di mutualizzazione per la condivisione dei rischi degli agricoltori o dallo strumento di stabilizzazione del reddito, che copre i casi di cali drastici del reddito degli agricoltori. In Italia, tali misure di gestione del rischio sono incluse nel programma nazionale di sviluppo rurale (PSR) per il periodo 2014-2020. Inoltre, il PSR 2014-2020 del Veneto prevede un sostegno per il ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali (operazione 5.2) al fine di sostenere gli agricoltori colpiti, tra gli altri eventi, da avversità atmosferiche.

2. Altri strumenti della politica agricola comune (PAC) prevedono una serie di strumenti per aiutare a superare le condizioni climatiche avverse. A norma dell’articolo 33, paragrafo 3, del regolamento (UE) n. 1308/2013, per quanto riguarda i prodotti ortofrutticoli, le organizzazioni di produttori riconosciute possono includere la prevenzione e la gestione delle crisi (ad esempio l’assicurazione del raccolto nell’ambito dei loro programmi operativi approvati) qualora sia previsto nella strategia nazionale. Agli agricoltori che appartengono a tali organizzazioni di produttori può essere concesso un sostegno per superare tali difficoltà. Gli Stati membri possono inoltre accordare ai viticoltori un sostegno per la sottoscrizione di assicurazioni del raccolto nell’ambito dei programmi nazionali di sostegno di cui all’articolo 49 dello stesso regolamento.

Approfondisci sul sito del Parlamento Europeo

Condividi sui social

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email

Iscriviti alla nostra newsletter