Modifica da parte della Cina della disciplina sui Consorzi di tutela: a rischio la promozione di prodotti italiani DOP/IGP

Il 1°marzo 2021 è entrato in vigore l’Accordo tra l’UE e la Repubblica popolare cinese sulla cooperazione in materia di indicazioni geografiche (IG) e sulla loro protezione, che tutela 100 prodotti DOP/IGP dell’UE, tra cui 26 italiani, e 100 prodotti DOP/IGP cinesi.

Ai sensi di una legge nazionale del 2017 che regola l’attività delle organizzazioni non-profit straniere, le autorità cinesi hanno recentemente stabilito che tali organizzazioni si debbano dotare di un rappresentante legale in Cina per adempiere alle loro attività.

Secondo la normativa cinese, i Consorzi di tutela sono considerati organizzazioni non-profit.

L’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche oriGin Italia ha segnalato che questa decisione di Pechino ostacolerà l’attività di promozione dei Consorzi di tutela dei prodotti DOP/IGP italiani in Cina.

Preso atto che nei primi 11 mesi del 2020 sono stati esportati in Cina prodotti agroalimentari europei per un valore pari a 16,3 miliardi di EUR, e considerato che l’imposizione di un rappresentante legale per i Consorzi di tutela sembrerebbe contrastare con le disposizioni dell’Accordo UE-Cina sulle IG, si chiede alla Commissione:

1. Ha valutato il rischio che la modifica della disciplina cinese sui Consorzi di tutela possa danneggiare l’attività di promozione dei prodotti IG europei?

2. Come intende agire presso le autorità cinesi per tutelare e agevolare l’attività dei Consorzi italiani in Cina?

Approfondisci sul sito del Parlamento Europeo

Condividi sui social

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email

Iscriviti alla nostra newsletter