Ondata maltempo a Nord Est e acqua alta a Venezia

Ondata maltempo a Nord Est e acqua alta a Venezia

“L’eccezionale ondata di maltempo che ha messo in ginocchio mezza Italia, in particolare le Regioni del Nord Est e il Veneto dove il Governatore Zaia ha già avviato l’iter per lo stato d’emergenza, richiede l’intervento urgente da parte dell’Europa affinché vengano attivati prontamente il Fondo di Solidarietà Europeo (FSUE) e tutti gli strumenti finanziari d’emergenza che si rendano necessari per aiutare le zone colpite e per far fronte ai danni subiti. Vedere la città di Venezia e la Basilica di San Marco finire ancora una volta sott’acqua con conseguenze e danni drammatici come ha denunciato il Procuratore di San Marco, è una scena che spezza il cuore rispetto alla quale la UE non può rimanere indifferente”.

Lo dichiara l’europarlamentare della Lega Mara Bizzotto, che in Europa ha già seguito in prima persona l’iter per la mobilitazione del FSUE in occasione dell’alluvione in Veneto del 2010, della tempesta Vaia del 2018 e dell’acqua alta a Venezia nel 2019.

“Il maltempo di questi giorni ha causato distruzioni e danni ingentissimi che il Governatore Zaia, per la sola Regione Veneto, ha finora quantificato in oltre mezzo miliardo di euro – spiega l’europarlamentare Bizzottoche ha presentato un’interrogazione alla Commissione UE insieme ad altri deputati – Dal Bellunese alla Pedemontana Vicentina e Trevigiana, dal litorale Veneziano ai Comuni lungo il corso del Piave dove sono state evacuate numerose famiglie, la conta dei danni è lunghissima. E le stesse situazioni d’emergenza sono state vissute anche in molte zone del Friuli Venezia Giulia, dell’Emilia Romagna e del Trentino Alto Adige”.

“Non c’è un minuto da perdere, e l’Europa deve mettere velocemente a disposizione tutte le risorse e gli strumenti necessari per fronteggiare questa situazione gravissima” conclude l’europarlamentare Bizzotto.

Condividi sui social

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email

Iscriviti alla nostra newsletter