Maltempo nel Nord-Est Italia, l’UE intervenga urgentemente con aiuti straordinari

Dopo soli due anni dalla tempesta Vaia, a inizio dicembre si è abbattuta una violenta ondata di maltempo con precipitazioni nevose e venti estremamente intensi nella fascia pedemontana del Veneto, in particolare nella zona del Bellunese, del Trentino e del Friuli Venezia Giulia.

La perturbazione nevosa ha causato frane, chiusura di strade, mareggiate e crolli di ponti e infrastrutture, determinando la chiusura completa di ampie zone al traffico veicolare e costringendo il Presidente della Regione Veneto a un’urgente azione per gli interventi più rapidi e a dichiarare lo stato d’emergenza.

Il territorio montano sta già vivendo una grave situazione a causa delle disposizioni governative che impediscono ai turisti di accedere agli impianti sportivi, e questi danni stanno aggravando ulteriormente tale situazione, anche da un punto di vista ambientale ed economico.

Ciò premesso, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:

1. Intende prevedere una procedura più rapida per concertarsi con l’Italia e accelerare l’eventuale attivazione del FSUE?

2. Quali ulteriori azioni e strumenti di supporto straordinari intende predisporre per far fronte a calamità naturali sempre più frequenti, al fine di mettere in sicurezza le zone colpite?

Approfondisci sul sito del Parlamento Europeo

Condividi sui social

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email

Iscriviti alla nostra newsletter