La raccolta di dati da parte della Cina è una minaccia globale

Secondo un’inchiesta condotta da Reuters, la società cinese di genomica BGI Group vende test prenatali in tutto il mondo in collaborazione con le forze armate del paese. Secondo tale inchiesta, il governo cinese li sta utilizzando per raccogliere dati genetici da milioni di donne per effettuare ricerche approfondite sui tratti delle popolazioni. Poiché la scienza individua nuovi legami tra geni e tratti umani, l’accesso all’insieme più ampio e diversificato di genomi umani darà ai paesi un vantaggio strategico.

1. È la Commissione a conoscenza del fatto che tale tecnologia potrebbe consentire alla Cina di dominare i farmaci a livello globale con la possibilità di sviluppare soldati geneticamente potenziati o patogeni creati in laboratorio destinati alla popolazione occidentale o all’approvvigionamento alimentare?

2. È la Commissione a conoscenza del fatto che la raccolta di dati sanitari a livello mondiale da parte della Cina comporta gravi rischi non solo per la vita privata, ma anche per la sicurezza economica e interna europea?

Approfondisci sul sito del Parlamento Europeo

Condividi sui social

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email

Iscriviti alla nostra newsletter