NEWS

Ultimate Posts

171019News
logo-giornale

Udine tra bivacchi e degrado: è il flop dei fan dell’accoglienza

(Il Giornale) In città il più grande centro accoglienza del Friuli. Oltre 1.500 migranti per le strade. È il fallimento del Pd che continua ad accogliere senza regole
Da Udine. Siede su una panchina al parco Moretti, poco distante dal centro della città. Lo sguardo fisso sul suo smartphone. “Vengo dal Pakistan. Sono in Italia da 9 mesi – racconta -. Durante il giorno sto qui al parco e la notte dormo su questa panchina”. Come lui tanti altri migranti.
Quasi 5 mila richiendenti asilo in una regione da 1,2 milioni di persone. Un numero molto maggiore di quanto stabilito dall’accordo Anci-Viminale per la distribuzione dei migranti. Il Friuli Venezia Giulia sta vivendo da anni una situazione al limite. Dal 2014 fino a oggi, oltre 10mila migranti, che hanno seguito la rotta balcanica, sono entrati in Italia dai confini con Austria e Slovenia.
Capofila in termini di accoglienza è la provincia di Udine dove, tra ex caserme, centri temporanei e bivacchi costruiti in giro per la città, si trovano 1.500 migranti. Montagne di rifiuti, bivacchi e accampamenti nelle aree verdi, problemi di ordine pubblico. Diverse zone della città friulana vivono in una situazione di degrado. I cittadini hanno paura e lamentano non solo sporcizia e disagi, ma anche episodi di prostituzione e spaccio di droga a ogni ora del giorno. “In tutta la città sono sorti numerosi bivacchi”, ha dichiarato Anna Chiarandini, fondatrice del Comitato spontaneo dei cittadini.”È una situazione davvero insostenibile. Chiediamo che vengano rispettate delle regole: controlli sanitari, divieto di bivacchi, impegnare le persone in lavori socialmente utili”

L’ex caserma Cavarzerani
“Nella recente visita, il ministro Minniti ha detto che il Cara di Gradisca d’Isonzo deve essere chiuso. Lì alloggiate ci sono 500 persone che verranno smistate sul territorio regionale e probabilmente saranno ospitate nell’ex caserma Cavarzerani”. Il responsabile dell’immigrazione per Forza Italia in Friuli Venezia Giulia, Renato Carlantoni, denuncia un possibile acuirsi dell’emergenza a breve. Udine si appresta a ospitare il più grande centro per richiedenti asilo del Fvg. La Prefettura ha bandito un maxi-appalto da 22 milioni di euro per l’accoglienza all’interno delle ex caserme Cavarzerani e Friuli.
La Cavarzerani, nel periodo di maggiore affluenza, ha ospitato fino a 1000 migranti, a fronte di una capienza di 300 persone. “Alcuni ospiti della caserma hanno divelto la rete di recinzione. Chi non vuole sottostare alle regole dell’accoglienza, scavalca i muri della struttura ed entra a tarda notte”, racconta Iolanda Demelas del Comitato spontaneo dei cittadini. “Io vivo vicino alla caserma. Siamo in una situazione di pericolo. Non c’è alcuna vigilanza”. I cittadini che abitano nei dintorni della caserma dichiarano di non sentirsi sicuri, soprattutto nelle ore notturne. La caserma sarebbe dovuta essere una soluzione temporanea, invece i migranti continuano ad arrivare e rimanere. Oggi nella caserma trovano ospitalità circa 350 richiedenti asilo, tutti di origine afghana e pakistana. “Mi trovo alla Cavarzerani da 11 mesi. Di giorno esco, cerco lavoro, vado al bar”, racconta uno di loro.
Il Prefetto di Udine, Vittorio Zappalorto, ha annunciato l’arrivo di piccole casette con luce, riscaldamento e servizi igienici destinate a sostituire le tende dove alloggiano i migranti. I prefabbricati all’interno della Cavarzerani andranno a sostituire la tendopoli allestita per l’emergenza. Un’operazione da 800 mila euro a carico del Ministero che ha scatenato non poche polemiche. “È scandaloso”, commentano i cittadini, mentre il candidato sindaco di Fiamma Nazionale ha annunciato una manifestazione per protestare contro il trattamento riservato ai richiedenti asilo ospitati in città.

Il cimitero di San Vito
Di fronte al cimitero urbano di San Vito, a pochi passi dal centro storico della città, i migranti hanno occupato da diversi anni l’ex chiosco dei fiori. Lì trascorrono le loro giornate, tra montagne di rifiuti e odori nauseabondi. Materassi gettati a terra, coperte, vestiti: il capanno è abitato da diversi richiedenti asilo. Dietro una tenda scura hanno ricavato un “bagno”. L’aria è pesante e irrespirabile.” Le persone anziane, che si recano da sole al cimitero, hanno paura”, raccontano le dipendenti del nuovo negozio di fiori. “Sono ragazzi, un numero sempre variabile, ogni tanto sono in tre, altre volte in dieci. In tarda mattinata escono dal bivacco e vanno in città”. “Qualche volta passa la polizia, guarda, ma non può fare niente. Una volta sola li ha mandati via, ma la mattina dopo era come se non fosse successo niente. Erano di nuovo lì”.

Il centro di Udine
“Le persone vengono espulse sulla carta, ma alla fine continuano a vagare per il territorio comunale”, afferma Carlantoni. I richiedenti asilo raggiungono il centro storico e i parchi della città dove trascorrono la giornata. In piccoli gruppi, seduti sulle panchine o nelle piazze di Udine, discutono tra di loro, parlano al telefono, spesso spacciano droga o sono protagonisti di episodi di violenza. Se gli ospiti della Cavarzerani hanno l’obbligo di rientro alle 19.30 ogni sera, c’è un numero indefinito di migranti che passano la notte in rifugi ricavati in strutture abbandonate o nelle zone verdi della città. Il sindaco aveva assicurato che sarebbe intervenuto e avrebbe trovato una soluzione ai migranti presenti nei rifugi.

L’amministrazione comunale
“Questa situazione è colpa del Comune”, dichiara Carlantoni. “Udine ha tanta gente anche per una scelta politica. Il sindaco già anni fa era un convinto assertore del terzomondismo. Poi si è accorto che Udine non ce la poteva più fare e ha cominciato a dare la colpa alla Regione, allo Stato e ai Comuni che non accoglievano”. Furio Honsell, sindaco del capoluogo friulano, è da sempre paladino dell’accoglienza, ma sembra che in questo ultimo periodo la situazione gli stia sfuggendo di mano. La sua amministrazione, che oggi non ha rilasciato alcuna dichiarazione, ha predisposto a partire dal 2013 un sistema di accoglienza proprio, Aura (Accoglienza Udine Richiedenti Asilo), in collaborazione con diverse realtà del terzo settore.

Elezioni comunali
A Udine è iniziata la campagna per le elezioni comunali previste per la primavera del 2018. L’emergenza immigrazione è nell’agenda di tutti i candidati sindaci e sarà sicuramente un aspetto decisivo per la scelta dei cittadini al voto.