NEWS

Ultimate Posts

12768118_10204044045621007_2702506124927985616_o

Immigrati clandestini, i casi di Onè di Fonte (TV) e del Prefetto di Treviso arrivano al Parlamento Europeo

Interrogazione urgente alla UE dell’europarlamentare leghista Mara Bizzotto: “Basta con i folli diktat del Prefetto e del Governo Renzi-Alfano: giù le mani da Onè di Fonte e dalle case dei nostri cittadini!”

Il caso dei 228 immigrati in arrivo ad Onè di Fonte e l’ipotesi avanzata dal Prefetto di Treviso di requisire gli alloggi sfitti dei privati per destinarli ai presunti profughi, arrivano sui tavoli del Parlamento Europeo.

A portare le due questioni direttamente all’attenzione della Commissione UE è l’europarlamentare della Lega Nord, Mara Bizzotto, che ha presentato un’interrogazione urgente chiedendo “il pronto intervento dell’esecutivo UE per bloccare, ora e per sempre, la folle ipotesi di requisire le case sfitte annunciata dal Prefetto di Treviso, e per fermare il pericolosissimo ammassamento di 228 clandestini presunti profughi nella frazione di un piccolo Comune di nemmeno 6 mila abitanti come Fonte”.

“I sindaci leghisti del Trevigiano e il segretario veneto della Lega Nord Toni Da Re hanno fatto benissimo ad opporsi duramente alle scriteriate proposte del Prefetto e di chi, da Roma, vuole continuare ad alimentare l’invasione di clandestini presunti profughi nei nostri territori. E altrettanto bene hanno fatto i cittadini di Fonte a mobilitarsi contro l’arrivo di 228 extracomunitari nella piccola frazione di Onè: concentrare un numero così massiccio di immigrati è un’assurdità dalle conseguenze potenzialmente devastanti per il paese e per tutta la zona” spiega l’eurodeputata leghista Mara Bizzotto, che venerdì 26 febbraio sarà a Fonte per partecipare alla manifestazione popolare indetta contro l’arrivo degli immigrati.

“Il caos immigrati in provincia di Treviso è soltanto la punta d’iceberg di quanto sta avvenendo in ogni Provincia del nostro Paese e del Veneto: da Vicenza a Padova, da Verona a Venezia, siamo ormai al collasso – continua l’on. Bizzotto – Pensare di espropriare le case dei privati, ammassare un gran numero di immigrati in piccoli paesi e continuare a dare, a nostre spese, vitto e alloggio a migliaia di extracomunitari, sono proposte scellerate che aggravano il problema e che noi combatteremo in ogni sede”.

“Basta quindi con le folli imposizioni e i diktat del Prefetto e del Governo Renzi-Alfano, e giù le mani da Onè di Fonte e dalle case dei nostri cittadini: è tempo che a Roma si rendano conto che il Veneto è ai limiti della sopportazione e che la fallimentare gestione dell’emergenza da parte del Governo sta trasformando i nostri territori in una polveriera” conclude l’europarlamentare della Lega Nord Mara Bizzotto.