NEWS

Ultimate Posts

comun008.jpg

Denunciare i clandestini è un fatto sacrosanto

Mara Bizzotto sul Disegno di Legge sulla sicurezza approvato dal Senato

“Il via libera del Senato all’emendamento leghista che dà finalmente la possibilità ai medici di denunciare i clandestini, è un fatto sacrosanto che fa giustizia di una situazione intollerabile. Ed ora, dopo questo importantissimo passo in avanti, hanno sempre meno senso quegli ambulatori riservati ai soli clandestini come quello di Via Negrin a Bassano. Ambulatori che vanno chiusi al più presto!”

Questo il commento del consigliere regionale vicentino della Lega Nord, Mara Bizzotto, sull’approvazione del Disegno di Legge sulla sicurezza da parte del Senato che, tra le altre cose, cancella la vecchia norma che obbligava i medici a non denunciare gli immigrati irregolari.

“Come si comporteranno ora i medici di quegli ambulatori per soli immigrati clandestini come quello di Bassano e di altre città del Veneto? Continueranno a professare l’omertà ora che la Legge non li obbliga più al silenzio? – si chiede Mara Bizzotto, che nei giorni scorsi aveva fatto scoppiare il caso di questi ambulatori riservati ai soli clandestini- La nuova norma approvata in Senato rappresenta un motivo in più perché questi ambulatori siano chiusi al più presto: anche perché, è bene ricordarlo, queste strutture sono previste da una Legge del vecchio Governo Prodi che, però, non obbligava e non obbliga nessuna Azienda Sanitaria ad aprirli”.

“Checchè ne dicano i buonisti di turno, l’approvazione di questa norma rappresenta una vittoria contro l’omertà a cui i medici erano costretti da una normativa assurda -conclude Bizzotto– Ora i medici potranno fare ciò che ogni cittadino di buon senso dovrebbe fare: ovverosia segnalare alle autorità competenti chi è sul nostro territorio in violazione delle Leggi e che, quindi, va espulso. Nessuno vuole negare ai clandestini le cure mediche, ma non possono essere curati gratis e restare impunemente liberi di circolare sul nostro territorio in aperto contrasto con la Legge”.